La mamma è sempre la mamma

Oggi ero al centro commerciale, a fare quella brutta bestia di cosa che è la spesa. Premessa: sono un ragazzo che mangerebbe soltanto surgelati, se solo non fossi fissato con la forma fisica e il vivere bene. Ho mangiato cibi precotti per troppo tempo, raggiungendo una forma fisica sferica che, sinceramente, vorrei non riottenere più. Da qualche anno a questa parte seguo una dieta mediterranea a base di tutto, preferisco le proteine e ultimamente mi sto dando alle proteine vegetali della soia (che no, non mi piace, ma fa bene…come il cavolfiore).

Odio fare la spesa perché sono pessimo col fare le liste: vivo da solo, mia madre è lontana dalla mia città e non posso chiederle di scrivermi via Facebook o Whatsapp quello che devo comprare per sopravvivere – me lo ha proposto, eh! -, quindi cerco di fare da solo. Ho un taccuino che viene sempre con me dove segno tutto, compresa la lista della spesa. Sapete qual è il problema? Che mentre faccio la lista non mi ricordo di tutto ciò che mi serve, arrivo al supermercato e la mia mente è colma di nomi di prodotti e cose indispensabili ma che oddio, non ho messo nella lista!

Finisce sempre che compro un sacco di cose, ma ne dimentico altrettante: ho fatto amicizia con molti cassieri, per quante volte mi vedono ormai, questo per far capire la quantità di visite che faccio al mio supermercato di fiducia.

Nella cassa accanto alla mia, mentre oggi ero in fila, c’era una mamma col suo bambino nel passeggino, stava armeggiando nella borsa fasciatoio per trovare il suo sonaglino preferito, dato che piangeva. È stata una scena tenerissima e amorevole…ho immaginato quel bambino da grande esattamente come me, incapace di fare una lista della spesa da solo e capace, invece, soltanto di acquistare tutt’altro rispetto al proprio piano. E ho immaginato sua mamma che, con lo stesso amore che stavo vedendo in diretta, gli diceva, proprio come fa sempre la mia, ma sei un testone, la prossima volta la lista te la faccio io e te la mando su Whatsapp, anzi mi iscrivo a Facebook così posso parlarti tutti i giorni e chiederti se hai mangiato!

Eh già, la mamma è sempre la mamma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *